Report finale corso best practices in benchmarking

Report finale corso best practices in benchmarking

  • 397
  • Condividi

Il corso inizia il giorno 4 Dicembre 2022 con l’ introduzione dei partecipanti alle attività che co-minceranno il giorno seguente e si svolgeranno fino al 7 Dicembre a Helsinki; il corso proseguirà a Tallin fino all’ 11 dicembre, giorno del rientro in Italia.

Alla mobilità abbiamo partecipato in tre, il DS prof. G. Liccardo, la prof.ssa A. Coppola ed io.

Il corso è rivolto al management, ai docenti, allo staff, a tutti gli esperti e coloro che nella scuola operano con differenti ruoli.

Il corso ha affrontato un’ ampia gamma di argomenti che le scuole potrebbero aver bisogno di padroneggiare introducendo nella propria conduzione pratiche innovative:

• Innovazione, piani di sviluppo delle scuole, aggiornamento dei curricula, competenze del XXI secolo.

• Transizione al digitale in ogni aspetto della vita scolastica.

• Studenti al centro: sistema di supporto a tre livelli: bisogni speciali, casa e scuola

• Focus sui docenti , apprendimento digitale, coaching e tutor docenti

• Management: esempi locali. 

La partecipazione a tale corso ha permesso di integrare le osservazioni, la condivisione e la creati-vità degli output. Abbiamo avuto la possibilità di osservare tecniche di insegnamento e di appren-dimento in classe, con piccoli gruppi di studenti oppure individualmente, condividendo esperienze, competenze per gli argomenti affrontati.

Sono state particolarmente interessanti le visite alle 5 scuole finlandesi ( I grado, II grado e Profes-sionale) e alle 3 scuole estoni ( 1 di alto livello, 1 russa ed una rurale). Le competenze acquisite dagli studenti sono piuttosto omogenee ed allineate verso l’ alto (vedi risultati OCSE PISA) indipen-dentemente dal contesto in cui le scuole operano. 

Esperienza entusiasmante per gli scenari che si sono presentati ai nostri occhi non tanto per la di-versità del contesto di riferimento ma, per l’ approccio seguito che si basa sulla fiducia attribuita ai singoli studenti e reciprocamente con i docenti ai quali essi sono affidati. D’altronde mi pare si possa dire che la responsabilità individuale e collettiva nell’ educazione e nella formazione delle nuove generazioni rappresenta uno dei punti cardine della relazione educativa.

Prof.ssa Mariarosaria Sannino
Referente Programma Erasmus+